La storia raccontata dai cibi tipici

Quando la minestra si marita

Siamo all’antivigilia di Natale ,c’è chi per strada è alle prese con l’acquisto degli ultimi cadeau e chi come ogni anno si appresta al solenne rito di scegliere tra i banchi i prodotti che imbandiranno la tavola a festa .Come già detto nel post precedente non potrà mancare tra le varie portate il “Re dei mari freddi” ovvero il baccalà, non mancherà il capitone che simboleggia il serpente e quindi si mangia per esorcizzare il male,l’insalata di rinforzo, così come i meravigliosi spaghetti alle vongole ,senza dimenticarci dello spasso/ciociole(sciocchezzuole) ovvero la frutta secca per poi deliziarsi con i dolci Natalizi ;Ebbene l’abbondanza è il must di questi giorni che accompagnano il rito del Santo Natale, il popolo Napolitano ha da sempre accompagnato le feste(Natale ,Carnevale e la Pasqua) con dei manicaretti degni di nota.

Ma a Napoli il Natale non è solo cibo e Presepe, nel giorno che seguiva il Santo Natale fino a qualche secolo fa i Napolitani erano soliti venerare il Cristo in croce, sfuggito all’assedio di Napoli del 1439, la storia vuole che il Cristo chinò il capo per evitare una palla di cannone, questo crocefisso veniva scoperto solo nella data di S. Stefano rito eseguito fino al 1864,il Cristo dal capo chinato quest’anno è stato svelato anche nel periodo di Marzo(Covid-19 ),proprio come nel 1600 durante un’ epidemia di peste e nelle varie eruzioni del Vesuvio; chiusa questa parentesi, a Natale  in molti rispettano la tradizione di preparare la minestra maritata ,una minestra che rivela le dominazioni Spagnole e strizza l’occhio alla “olla podrida “,letteralmente la “Pentola marcia”,ma l’ipotesi del nome cade più sulla parola “Poderida” che gli conferisce tutt’altro significato ovvero “la pentola dei poderosi” ,uno stufato consumato dalle classi più elevate.

Questo stufato ad oggi conta tantissime varianti oltre alla nostra minestra maritata (ecco il gioco delle dominazioni), tant’è che la ritroviamo in gran parte dell’America del Sud e centro America (con le variazioni indotte da alcuni prodotti locali) così come in Messico, in ambito letterario farà parlare di sé alle penne di Dumas, Cervantes e Alas; 

Torniamo al nostro territorio, in molti ne attribuiscono la paternità ad Apicio(zuppa piselli maritati) ,ma nelle ricette Napolitane compare già una bozza di minestra maritata nel trattato di Antonio Latini ,cosi come ne parlerà Bartolomeo Scappi , V. Corrado (Potaggio di broccoli)e Ippolito Cavalcanti Duca di Buonvicino .

Vi riporto la ricetta datane da Bartolomeo Zito detto il «Tardacino» nel «derennemiento» della Vaiasseide:

Si Piglia una pignatta grande, e dentro si mette un buon pezzo di carne di giovenca grassa

indi un cappone imbottito e una gallina casareccia, poi un salsiccione della Costa, quattro

capi di salsicce cervellate, un pezzo di cacio nostrano, ossa mastre, spezie quanto bastano, e poi cotte che siano tutte queste cose, si aggiunga una bella affettata di torsoli e foglie scelte nelle più tenere cime e si lascino bollire soave soave ; poi si faccia riposare un po’ il tutto , indi si mangi! “

La domanda che tutti si fanno è: 

Perché si chiama minestra maritata?

La risposta è perché c’è un matrimonio di sapori in questa minestra, e come il vero amore ti ruba anima, cuore e passione.

I napoletani da buoni “Mangiafoglie“qual’ erano, ne fecero prima della rivoluzione della pasta il loro piatto nazionale, perché quando si parla di Napoli non si parla di Napoli città ma bensì di un Regno, seppero ben equilibrare con il loro patrimonio di verdure lo sposalizio con il brodo derivante dalla cottura di alimenti quali gallina, maiale e carne vaccina.

Parlò della minestra maritata anche il Marchese del Tufo, così come M. Serao.

Quando preparerete questa bontà, oltre a sentirne il profumo lasciatevi coccolare anche dal suo cammino, è la sua storia; ma se siete Napoletani è anche la vostra storia .

Auguri di Buone Feste.

Latini
B. Zito
B. Scappi
V. Corrado
I. Cavalcanti
M. Serao
F. De Bourcard
Cristo sfuggito all’assedio

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *