La storia raccontata dai cibi tipici

Vermicelli con le vongole

Ed eccoci giunti alla fine di questo benedetto 2020, anche quest’anno ha visto il suo ultimo giorno, auguro  a tutti gli amici un futuro ricco di serenità e allegria;
E stasera le nostre tavole saranno di nuovo imbandite dalle pietanze che per chi osserva la tradizione sono d’uopo, tra le mie pietanze preferite ce n’è una, che vede le sue origini durante uno dei periodi più belli del Regno di Napoli, ovviamente sto parlando dei Vermicelli con le vongole, questo piatto che all’apparenza può parer così semplice contiene in esso l’essenza del mare ed il sapore della buona pasta che avvolge un sugo dalle dolci note Partenopee.
Le vongole da sempre sono state inserite in molteplici ricette, ma nel 1839 il Duca di Buonvicino, Ippolito Cavalcanti scrive nel suo ricettario la ricetta de li “ tagliarelli e Bongole”, nell’ edizione del 1844 ,Cavalcanti conia il nome di questa ricetta che entrerà nella cultura gastronomica Partenopea e quindi pronta a farsi conoscere al mondo intero ,nasce il “Vermicelli all’ oglio con vongole”.
La ricetta nasce bianca ma con l’irruzione del pomodoro nella cultura Partenopea viene qualche volta resa appena rosé , nella prima metà del 900 (proprio durante i conflitti mondiali ),il popolo Napoletano si adegua e nasce un nuovo termine per ricordare la pietanza in quei momenti di crisi, nasce lo “spaghetto alle vongole fujute”; essendo le vongole un prodotto pregiato(in alcune culture passate venivano addirittura usate come moneta) vengono escluse dalla ricetta , e l’intingolo creato con gli umori dell’ aglio e del prezzemolo sublima gli spaghetti ,addirittura alcuni usavano i sassi di mare (ispirandosi alle massaie livornesi, capaci di far sobbollire i sassi di mare per tirarne fuori un brodetto deliziosamente carico di umori minerali, da fare invidia ai crostacei più nobili)per conferire più gusto al guazzetto e rimuovere gli stessi prima di servire il caldo pasto.
Stasera per nostra fortuna non vedremo pietre nella nostra pentola ma per grazia di Dio le  vongole, altri preferiranno i lupini di mare (varietà appartenente alla famiglia delle vongole ma raccolte nel Mar Adriatico) chi le telline, chi metterà nel suo piatto un astice ,chi un’aragosta;
L’importante è sapere che il tutto è nato dalla cultura gastronomica Napolitana e come tutto ciò che è partito da Napoli ha regalato emozioni al mondo intero.
Per chiudere in bellezza vi riporto una poesia dedicata alla cucina Partenopea:

FACITEME MAGNA’
(di Raffaele Viviani)
Santa Lucia, no chella d’ ‘e ccanzone, no chella d’ ‘e cantante ‘e ll’orchestrina: io preferisco chella d’ ‘a cucina,
d’ ‘a vunguIella ‘ncopp’ ‘o maccarone;
d” ‘o pesce frisco fatto uoglio e limone, fore a na tavulella ‘e na cantina,
piazzato ‘mpont’ ô taglio d’ ‘a banchina, cu’o pede ‘ncopp’ ‘a barra ‘e nu temmone.
E chesta è ‘a puisia: niente cantante, niente pusteggia pe’ pute’ magna’
nu vermiciello a vongole abbundante
cu ‘o ppetrusino cruro e ‘addore ‘e scoglie, e ‘a primma furchettata, t’hê ‘a scusta’,
si no svenisce, mentre l’arravuoglie.
Nun pozzo senti’ musica scucciante,
si no ‘o spaghetto nun ‘o digerisco:
e vene appriesso ‘o fritto ‘e pesce frisco e io stongo già cu ‘o stommaco pesante.
E’ brutto a fa’ ‘o mestiere d’o cantante: l’aggio fatto pur’io, pirciò ‘o capisco; embe’, che pozzo fa’, pe’ mo subisco: stongo ô cafè scianta’, no ô risturante.
Che bella cosa, so’ fernute ‘e suone:
me spacco ‘o merluzziello, ‘o levo ‘e spine, cu ll’aglio, ‘o ppetrusino, uoglio e limone:
ma, si appezzanno ‘a primma mullechella arapo ‘a vocca e sento ‘e manduline,
me songo ‘ntussecata ‘a tavulella!

Buon fine anno e felice anno nuovo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *